Archivi del mese: Giugno 2018

Padre PioVenerdì 29 giugno: Solennità Santi Pietro e Paolo.
Ore 20,15 Testimonianza di Maria Lucia Ippolito la mamma di Matteo il bambino miracolato da Padre Pio, il cui miracolo fu scelto per la canonizzazione del Padre.
Tema: Il miracolo di Padre Pio.
Ore 19,45 Santo Rosario.
Ore 21,30 Santa Messa del Gruppo di preghiera di Padre Pio presieduta dal Cardinale Ernest Simoni.

Ai Gruppi di Preghiera di San Pio Nazionali ed Internazionali

Carissimi assistenti spirituali, animatori e membri dei Gruppi di Preghiera di San Pio da Pietrelcina,

il 5 maggio 1966, in occasione del decimo anniversario dell’inaugurazione della “Casa Sollievo della Sofferenza”, nel rivolgere il suo paterno pensiero ai Gruppi di Preghiera diffusi nel mondo, padre Pio affermava che essi, affiancati alla Casa Sollievo, costituivano, allora come oggi, “le posizioni avanzate di questa Cittadella della carità, vivai di fede, focolai d’amore, nei quali Cristo stesso è presente ogni qual volta si riuniscono per la preghiera e l’Agape Eucaristica”.

“È la preghiera –… Continua a leggere

Semaforo gialloCarissimi,

pian piano stiamo camminando e contribuendo, tutti insieme, alla costruzione della comunità di San Donato.
Molte persone son contente che il Circolino è stato riaperto, anche se in versione ridotta.
Alcuni si sono posti delle domande e qualcuno me le ha fatte direttamente.
Anche se ho già risposto in passato, attraverso altri articoli della “Voce”, e in altro modo, riunirò comunque le risposte in questo mio breve.

Un argomento discusso è stato questo: come mai don Cristian ha chiuso il Circolino dopo poco che è arrivato a San Donato? Quando arrivai a San Donato sono successe diverse cose.
Molti… Continua a leggere

“Oppresso da molte tentazioni, presso di te mi rifugio, cercando salvezza. O Madre del Verbo e Vergine, salvami dalle sventure e dai pericoli… O Vergine, che hai generato il Dio Salvatore, ti prego, liberami da ogni avversità, perché a te io ricorro, e a te io innalzo l’anima e lo spirito. Rendi degno di una tua visita il mio corpo malato e la mia anima, o sola Genitrice di Dio, tu che sei buona e Genitrice del Buono”.
(Ode I, dal Canone Parakliticos a Maria di Teostericto Monaco, IX sec.)

Carissimi amici di San Donato,

salute e ogni benedizione nel… Continua a leggere

Beata Vergine del Carmelo1. Scapolare: parte significativa dell’abito carmelitano

Come tante altre devozioni, è difficile poter stabilire con precisione le origini della devozione allo Scapolare del Carmelo.
Più agevole è segnalarne le fasi di crescita.

Ricordiamo, comunque, subito che “scapolare” viene da “scapola” e indica quell’indumento che presso molti istituti di monaci o frati nel Medio Evo ricopriva sia il petto e sia le spalle o scapole, dopo averlo infilato per la testa.
Serviva generalmente per i tempi di lavoro, così da proteggere l’abito e non insudiciarlo.

Dello Scapolare carmelitano come parte della divisa dell’Ordine non c’è nessuna traccia nella Regola o Norma… Continua a leggere

2. Scapolare: segno di protezione di Maria in un ordine “strano”

Fatte le debite premesse di sopra, annotiamo che la devozione dello Scapolare della Madonna del Carmine negli ultimi secoli e fino a non molti anni fa era arrivata ad accentrare su di sé, in forma quasi eccessiva, l’attenzione dei fedeli, come se questo simbolo esprimesse l’intera “predicazione carmelitana” a riguardo di Maria. Quando, in tempi più recenti, venne però messa in forte dubbio la storicità di una certa visione sullo Scapolare, parve che l’ordine Carmelitano non avesse più molto da dire al riguardo.

Invece si rivelò ancor più necessario… Continua a leggere

3. Lo Scapolare: “Sacramento mariano”?

1.Non è un vero sacramento.

I veri Sacramenti sono solo quelli istituiti da Cristo e sono solo sette, “né più né meno”, come proclamò il Concilio Tridentino. Sono segni efficaci della Grazia: donano, a chi li vuole ricevere vitalmente, la grazia che esprimono.
Così il Battesimo purifica (come indica il segno dell’acqua) dal peccato originale (o “di fondo”), in forza della Trinità SS.

L’Eucarestia nutre l’anima alla maniera in cui il pane nutre il corpo: e fa in modo che il credente non tanto assimili il cibo divino, quanto invece venga assimilato da esso, cioè… Continua a leggere

4.Valori dello Scapolare

1) Primo valore: la “consacrazione”

Lo Scapolare del Carmine è sintesi di molti, anzi di tutti i più sicuri valori della pietà dei fedeli verso Maria. Il primo è la “consacrazione”.
È quella che Maria stessa fa dei suoi figli, vestendoli e segnandoli in modo speciale come appartenenti a lei.

Il primo Santo che esprime in termini chiari l’offerta totale di sè alla Vergine è il grande vescovo predicatore-teologo Giovanni Damasceno (+ 749), nel quale si riassume l’insegnamento circa Maria di tutti i precedenti “Padri” della Chiesa: “Anche noi oggi ci presentiamo a Te, o Sovrana, sì,… Continua a leggere

5. Dunque: un grande segno, un serio impegno

Il punto centrale della devozione allo Scapolare è la consacrazione a Maria, come offerta di sè e della propria vita e come impegno di onorarla rivivendone le virtù.
S. Alfonso Maria de’ Liguori scrive che i fedeli indossano lo Scapolare” in segno di essere dedicati alla di Lei servitù, e di essere del numero della famiglia della Madre di Dio» (Le Glorie di Maria).

Pio XII vede nello Scapolare un segno di “consacrazione al Cuore Immacolato di Maria” (Lettera autografa – 1950) e dice che il cristiano, indossandolo, “fa professione di appartenere… Continua a leggere

6. Considerazioni pastorali concrete

1) Lo Scapolare da solo non basta

Non è sufficiente indossare lo Scapolare; è necessario coglierne il valore e il significato, dargli un posto nella vita. Così davvero si onora Dio nella Madonna.
Perciò l’imposizione dello Scapolare va preceduta da una istruzione appropriata.

Ogni Sacerdote può imporre lo Scapolare, benedicendolo con un segno di croce; ma quando i fedeli che lo richiedono sono in molti e in circostanze solenni come nel giorno del Carmine, è conveniente usare la formula propria, che si trova nel Rituale e viene riportata sotto.

2) Il primo Scapolare (in stoffa)

Il… Continua a leggere