Facebook
Logo Facebook

Articolo su Miracoli e misteri 1 luglio 2021: di Emanuele Piccini.

Una Reliquia del Beato Carlo Acutis è stata donata poco fa alla parrocchia di san Donato a Livizzano propri nel centenario della nascita di don Mario Boretti, noto esorcista e storico parroco di questa comunità parrocchiale della provincia di Firenze e situata tra i comuni di Montespertoli e Montelupo Fiorentino.

In una atmosfera di profonda spiritualità è stata accolta la reliquia del beato Carlo Acutis dalle tantissime persone che, giunte da ogni parte della Toscana, erano giunte in “questo luogo mariano”.
A questo idicativo avvenimento della chiesa locale, erano presenti autorità civili e militari.

Presente una delegazione delle suore di Santa Teresa di Calcutta.
A rappresentare il comune di Montespertoli il sindaco Alessio Mugnaini, mentre l’assessore Stefania Fontanelli rappresentava quello di Montelupo Fiorentino.
Degna di nota la presenza della polizia municipale locale e della stazione dei carabinieri di zona.

A facilitare la riuscita della manifestazione religiosa, in osservanza delle disposizioni dell’ema ergenza sanitari , l’associazione Nazinale Carabinieri di Montespertoli, i Cavalieri del Roseto Perpetuo di Maria ed i gruppo volontari anti Covid della parrocchia di San Donato a Livizzano, coordinati dalla signora Benedetta Zani.

Toccante la testimonianza, della signora Antonia, la madre del giovane Carlo, morto nel 2006, sepolto ad Assisi e beatificato nel 2020.
Più volte fra il pubbilco si sono alzati vigorosi applausi.
Per questo “ragazzo dal cuore d’oro”, che amava Gesù, e “l’Eucaristia era l’autostrada per il cielo”.

Molti gli episodi significativi di questo ragazzo del nostro millennio che, con la sua vita di preghiera, vivificata da una frequente adorazione eucaristica – avvalorati da Nicola Gori, postulatore della causa di beatificazione e presente anc’egli a San Donato a Livizzano, ha dato modo di scoprire o riscoprire la gioia di vivere il cristianesimo in una società relativizzata.

“Carlo Acutis ha fatto scoprire come ci fosse più appagamento di fronte al Santissimo Sacramentoche in una discoteca”.

Densa di spiritualità la celebrazione eucaristica celebrata dal parroco, don Cristian Meriggi, animata grazie al diacono Claudio Allegri, e dall’accolito Francesco Mazzocchi, ed accompagnata dal coro, diretto dalla maestra Lucia Baldacci.

Don Meriggi nei ringraziamenti, ha sottolineato la notevolmente l’aiuto del Ca. Vieri Lascialfari, assai conosciuto a Città del Vaticano per il suo fervente zelo dimostrato nell’Arcidiocesi di Firenze.

Sintomatica l’omelia del Cardinale Ernest Simoni che ha rilevato la testimonianza cristiana di Carlo Acutis “un bambino santo, un esempio per tuti oggi”.

Importanti le parole del sindaco di Montespertoli al termine della celebrazione eucaristica: “Ringrazio di cuore la comunità di San Donato e la famiglia del beato Carlo Acutis per questa testimonianza che sicuramente lascerà molto nei nostri cuori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *